06/07/2018

ALIMENTI PER CANE E GATTO: +3,8% A VALORE

Nel 2017, il mercato dei prodotti per l'alimentazione dei cani e dei gatti in Italia ha sviluppato un giro di affari di 2051 milioni di euro, per un totale di 573.940 tonnellate commercializzate. Prosegue il trend positivo del mercato con un incremento del fatturato del +3.8% rispetto allo scorso anno e una crescita dei volumi di +2.

4%: si conferma un tasso di crescita a valore superiore a quello del Largo Consumo Confezionato, che è stato pari a +2.3% nel 2017. Nel periodo 2014-2017, il mercato si è sviluppato con un tasso di crescita annuo composto pari a +3.6% a valore e +1.6% a volume. Il fatturato del mercato dei prodotti per l'alimentazione di Cane e Gatto è sviluppato da tre piattaforme distributive: Grocery, Petshop Tradizionali e Catene, che mostrano dinamiche e performance differenti per il totale di mercato e suoi segmenti principali.

Il Grocery canalizza il 559% del fatturato complessivo del mercato petfood (ossia 1147.3 milioni di euro) e il 74.4% dei volumi (427256 tonnellate). Prosegue nel 2017 lo sviluppo del mercato, con un trend positivo a valore di +2% e a volume +1.5%. Per Grocery si intendono dati provenienti dalla somma dei canali: Ipermercati, Supermercati, LSP (Libero Servizio Piccolo), Tradizionali (inclusi i Micromarket, punti di vendita inferiori ai 100 mq) e Discount. La crescita del Grocery continua ad essere guidata dai Supermercati (8981 punti vendita) che sviluppano il 30.1% del fatturato e 34.2% dei volumi: il format "superstore" (8% del fatturato), anche per il mercato del petfood si conferma essere un canale virtuoso che unisce un'ampiezza di offerta maggiore rispetto ai canali di prossimità ed una minor "dispersione" rispetto agli ipermercati.

Nel 2017 gli ipermercati (10.4% dei volumi e 9% del fatturato) mostrano una lieve ripresa delle vendite in valore a fronte di una contrazione a volume; restano in campo negativo le piccole superfici a libero servizio (100-399 mq) che sviluppano il 5.5% del fatturato e il 6.4% dei volumi. In lieve flessione le vendite sviluppate dal canale discount (19.6% dei volumi e 8.1% del fatturato). Alcune insegne della GDO (es. Conad, Coop, Finiper...) hanno dato vita ad un nuovo format distributivo: il petstore. Si tratta di punti vendita specializzati che puntano sull'assortimento (ampio e presenza di prodotti premium, funzionali, veterinari) e sul servizio (personale qualificato, serivzi di toelettatura e, a volte, veterinari) per contrastare la crescente competizione delle Catene Petshop. I petstore al moento sono esclusi dalla rilevazione.

RITORNA