23/11/2018

SERVONO SGRAVI FISCALI PER IL PET FOOD

Questi dati supportano ancor di più l'urgenza di interventi volti alla riduzione dell'aliquota IVA in Italia per prestazioni veterinarie, farmaci ec ibo per animali, e che ha raggiunto il massimo storico attestandosi tra i più alti in Europa (ad oggi 22%). Un'aliquota IVA sul pet food e sulle cure veterinarie più favorevole, più vigilanza sui prezzi dei farmaci veterinari e sgravi fiscali potrebbe incidere positivamente sulle possibilità di affrontare spese impreviste per i propri pet e sulla qualità delle cure e dell'accudimento dei propri animali da compagnia.

Vi è un ulteriore risultato che emerge dal secondo rapporto Federanziani - ANMVI degno di essere evidenziato. Nello specifico, la porzione più ampia di rispondenti over 65, pari a circa il 40%, spende per l'alimentazione dei propri pet una cifra che si colloca tra i 20 e i 50 euro mensili, ed il 29,6% spende una cifra compresa tra i 50 e i 100 euro mensili.

Infine, gli over 65 che vivono con un animale d'affezione sembrano particolarmente interessati a far emergere il ruolo fondamentale che i pet hanno nella loro vita. I risultati dell'indagine relativi alla domanda "quali sono i temi che necessitano di un maggiore impegno da parte della politica" evidenziano come la tematica della tutela degli animali sia al terzo posto in ordine di importanza fra quelli che per gli over 65 necessitano di maggiore impegno.

La tutela degli animali si posiziona dopo le tematiche del lavoro (1° posto) e sull'immigrazione e sicurezza (2° posto) ma prima di argomenti quali la tutela dell'ambiente e del patrimonio naturale (4° posto), dei conti pubblici (5° posto), delle riforme istituzionali e legge elettorale (6° posto) e dei rapporti con l'UE (7° posto).

RITORNA